Scrive messaggi (offese persecuzioni) su WhatsApp: è STALKING?

 In Articoli, Interviste, News, Pubblicazioni

Fattispecie

Lo stalking consiste in un insieme di condotte persecutorie ripetute nel tempo (come le telefonate molestie, pedinamenti e le minacce) che provocano un danno alla vittima incidendo sul cambio delle sue abitudini di vita oppure generando un grave stato di ansia o di paura, o, ancora ingenerando il timore per la propria incolumità o per quella di una persona cara.

Il reato di stalking (dall’inglese to stalk, letteralmente “fare la posta”) è entrato a far parte dell’ordinamento penale italiano mediante il d.l. n. 11/2009 (convertito dalla l. n. 38/2009) che ha introdotto all’art. 612-bis c.p., il reato di “atti persecutori”, il quale punisce chiunque “con condotte reiterate, minaccia o molesta taluno in modo da cagionare un perdurante e grave stato di ansia o di paura ovvero da ingenerare un fondato timore per l’incolumità propria o di un prossimo congiunto o di persona al medesimo legata da relazione affettiva ovvero da costringere lo stesso ad alterare le proprie abitudini di vita“.

La pena

L’art. 612 bis c.p., al primo comma, punisce la condotta di chiunque, con condotte reiterate, minaccia o molesta taluno in modo da cagionare un perdurante e grave stato di ansia o di paura ovvero da ingenerare un fondato timore per l’incolumità propria o di un prossimo congiunto o di persona al medesimo legata da relazione affettiva ovvero da costringere lo stesso ad alterare le proprie abitudini di vita con la reclusione da sei mesi a quattro anni, salvo che il fatto non costituisca più grave reato.

Ai sensi del secondo comma, inoltre, la pena è aumentata se il fatto è commesso dal coniuge legalmente separato o divorziato o da persona che sia stata legata da relazione affettiva alla persona offesa. Il comma successivo prevede un aumento della pena fino alla metà se il fatto è commesso a danno di un minore, di una donna in stato di gravidanza o di una persona con disabilità di cui all’articolo 3 della legge 5 febbraio 1992,n. 104, ovvero con armi o da persona travisata. In genere la procedibilità è a querela della persona offesa, con termine per la sua proposizione di sei mesi (anziché di tre mesi, come per quasi tutti gli altri reati).

Il caso

Nel caso che analizziamo e sul quale si è pronunciata la Corte di Cassazione riguarda un imputato del delitto di stalking commesso in danno della propria fidanzata. A giustificazione della reiterata persecuzione, la circostanza che tra i due la relazione fosse ancora attuale, a dire dell’imputato. La Corte di Appello avrebbe omesso di acquisire la trascrizione delle conversazioni svoltesi sul canale informatico whatsapp che avrebbero dimostrato la prosecuzione dei rapporti con la propria fidanzata e quindi l’inattendibilità della persona offesa.

La decisione della Corte

La Corte di Cassazione, sez. V penale con la sentenza n. 49016/2017 analizza con particolare attenzione una problematica molto attuale quale il valore probatorio delle conversazioni svoltesi sul canale telematico whatsapp che, come è noto, oggi è molto utilizzato e diventerà quanto prima un elemento di sicura rilevanza nel corso di indagini giudiziarie.

In effetti la Suprema Corte non ritiene fondata la lamentela dell’imputato e giudica “ineccepibile la decisione della Corte territoriale di non acquisire la trascrizione delle conversazioni svoltesi sul canale informatico tra l’imputato e la parte offesa in quanto, pur riconoscendo che la registrazione di tali conversazioni, operata da uno degli interlocutori, costituisca una forma di memorizzazione di un fatto storico, della quale si può certamente disporre legittimamente ai fini probatori, trattandosi di una prova documentale, (atteso che l’art. 234 c.p.p., comma 1, prevede espressamente la possibilità di acquisire documenti che rappresentano fatti, persone o cose mediante la fotografia, la cinematografia, la fonografia o qualsiasi altro mezzo) con  l’acquisizione del supporto – telematico o figurativo contenente la menzionata registrazione, svolgendo la relativa trascrizione una funzione meramente riproduttiva del contenuto della principale prova documentale” (Sez. 2, n. 50986 del 06/10/2016; Sez. 5, n. 4287 del 29/09/2015).

In sintesi

La semplice trascrizione dei messaggi scambiati su WhatsApp ha pertanto valore probatorio ove sia possibile acquisire la paternità del telefono.

Insomma senza il telefono, la semplice copia della messaggistica sembrerebbe non essere sufficiente.

Sempre bene conservare tutto per poi esaminare il singolo caso specifico.

In difesa delle donne, lo Studio Missiaggia offre un servizio di consulenza legale online per approfondire la tematica dell’amore malato e perché lasciare un persecutore.

A cura di Maria Luisa Missiaggia Avvocato della famiglia.

Post recenti

Leave a Comment

Contattaci

Grazie! La contatteremo al più presto.

0
Linee guida CNF per spese mantenimento figliViolenza nel matrimonio