Immigrazione: ecco le ultime novità legislative

 In Articoli, News

Che cosa è cambiato nei Tribunali delle maggiori città italiana e come l’immigrato riceve tutela nelle Aule con Avvocati competenti?

La legge 46/2017 riforma alcune delle norme in materia di immigrazione e protezione internazionale.

Una delle novità più rilevanti è la costituzione di 26 nuove sezioni di Tribunale specializzate in materia, con sede nei capoluoghi di Corte d’appello.

Per esempio, nel Tribunale civile di Roma è stata istituita la sezione XI bis dedicata unicamente all’immigrazione.

immigrazione

 

Le sezioni specializzate giudicheranno, in composizione monocratica, sulle seguenti questioni:

1) mancato riconoscimento del diritto di soggiorno sul territorio nazionale;

2) mancato rilascio, rinnovo o revoca del permesso di soggiorno per motivi umanitari;

3) l’impugnazione dei provvedimenti delle commissioni territoriali preposte all’esame delle domande di protezione internazionale;

4) accertamento dello stato di cittadinanza;

5) impugnazione del provvedimento di allontanamento nei confronti di cittadini Ue per motivi di pubblica sicurezza;

6) diniego del nulla osta al ricongiungimento familiare e del permesso di soggiorno per motivi familiari;

7) accertamento dello stato di apolidia;

8) impugnazione dei provvedimenti adottati dall’autorità preposta alla determinazione dello Stato membro competente all’esame della domanda di protezione internazionale.

 

LA COMPETENZA

Per determinare la competenza delle sezioni specializzate sono stabiliti i seguenti criteri:

1) il luogo in cui il richiedente ha la dimora;

2) il luogo in cui ha sede l’autorità che ha adottato il provvedimento impugnato;

3) il luogo in cui ha sede la struttura di accoglienza governativa del sistema di protezione; di cui all’articolo 1-sexies del decreto-legge 416/1989.

 

LA PROCEDURA

Le controversie in materia di protezione internazionale davanti alle nuove sezioni specializzate sono regolate dal rito camerale.

 

Cosa significa rito camerale?

Questo rito è disciplinato dagli articoli 737 e ss del codice di procedura civile, ed è caratterizzato principalmente per il fatto di non svolgersi nelle forme ordinarie né in pubblica udienza: il giudice, infatti, delibera senza la presenza del pubblico ma ritirandosi, appunto, in “camera di consiglio“, ossia, generalmente, nel suo ufficio in tribunale.

Un esempio di questo tipo di procedimenti è rappresentato da quelli di cd. “volontaria giurisdizione”, che non hanno natura contenziosa ma riguardano, ad esempio, la nomina e la revoca di curatori o tutori di inabilitati o incapaci.

immigrazione: la legge è uguale per tutti

Il ricorso contro i provvedimenti in materia di riconoscimento emanati dalle Commissioni è proposto, a pena di inammissibilità, entro 30 giorni dalla notificazione (o 60 giorni se il ricorrente risiede all’estero) e può essere depositato anche a mezzo posta o tramite rappresentanza diplomatica o consolare italiana.

Introdotto il ricorso, è previsto un termine per il deposito delle note difensive e della documentazione, compreso il file della videoregistrazione, da parte della Commissione territoriale (entro 20 giorni dalla comunicazione del ricorso da parte della Cancelleria) e il termine entro cui l’interessato può depositare una propria nota di replica.

L’udienza orale è prevista solo quando si è in presenza di elementi nuovi o indispensabile ai fini dell’integrazione dei fatti e delle prove allegate nel ricorso.

Un altro caso di udienza orale è quando il giudice, visionata la videoregistrazione, ritiene necessario sentire personalmente il richiedente o chiedere chiarimenti alle parti. Infine è prevista anche quando l’interessato ne abbia fatto motivata richiesta.

Il procedimento camerale si definisce con decreto entro quattro mesi dalla presentazione del ricorso e, in seguito alla riforma è ricorribile solo per Cassazione.

Ci occupiamo dei ricorsi avverso i mancati permessi di soggiorno con successi nell’ottenimento della revoca del diniego.

Post recenti

Leave a Comment

Contattaci

Grazie! La contatteremo al più presto.

divorzio-breveAssegno casa familiare 2